Il vino

Argentina, è il quinto produttore mondiale di vino. Solo il 25 per cento della sua produzione viene distribuita e consumata nel Paese. Dopo averne provata una sola goccia , capirete perché . I vini argentini sono meravigliosi.

L’Argentina è una Terra favorita dalle ottime condizioni climatiche e del suolo. La “vitis vinifera” ha cominciato uno sviluppo pieno e accelerato, in particolare nelle regioni vicino alle Ande.
Dopo anni di sviluppo primitivo e rudimentale, nel corso del XIX secolo gli immigrati europei hanno portato nuove tecniche di coltivazione ed altre varietà di vitigni, che hanno trovato ai piedi delle Ande e nella valle del fiume Colorado l’habitat ideale per la loro crescita.

In torno al 1860 arrivarono i primi vitigni di uva Malbec a Mendoza. Per lungo tempo, erano state le “criollas” –tra cui c’erano varietà di  rosso e di bianco- le uniche uve coltivate  nel paese. Questo, aggiunto a una tecnologia molto precaria per la produzione di vino, fece si che in torno al 1900 si producessero cambi significativi nella qualità del prodotto.

Malbec, Cabernet, Pinot, Semillón, Merlot e Chardonnay hanno trovarono le condizioni ideali e prosperarono rapidamente, dando origine ai primi vini fini argentini.
Una temperatura adeguata, lunghe ore di sole, piogge scarse, bassa umidità e l’ assenza di forti venti, crearono insieme al suolo un’eccezionale ambiente ecologico per la produzione di uva della massima qualità.